> torna alla home page <
domenica 20 gennaio 2019  
 Informazione
 Informazione
 Tutte le notizie
 Sport
 Previsioni meteo
 Editoriali
 Speciali
 Il Settimanale
 Agenda
 Appuntamenti del mese
 Cultura, spettacoli, cinema
 Fiere, mostre, esposizioni
 Sagre e festività
 Locali e ristoranti
 Rete Civica
 Paesi
 Scuola e formazione
 Informagiovani
 Musei e biblioteche
 Gruppi musicali
 Trasporti e viabilità
 Turismo
 Itinerari in pianura
 Itinerari sui colli
 Prodotti tipici
 Pro loco
 Cartoline
 Extra
 L'angolo dei ricordi
 Poesia e racconti
 Community
 Forum
 Chat
 Annunci Gratuiti
 Newsletter
 
 News



Elezioni 2004: Terrazzo

Si avvicina la scadenza elettorale anche per Terrazzo: due saranno le liste a presentarsi nel paese, una capitanata da Sabrina Chinaglia, vicesindaco uscente, e che vede tra i candidati l'attuale sindaco, Mauro Ziviani, l'altra guidata da Roberto Ambrosini, vecchia conoscenza della politica a Terarzzo. Abbiamo posto ai due candidati le stesse tre domande.

Roberto Ambrosini

1- Quali sono a suo giudizio i principali problemi del paese ?
Terrazzo è un paese storicamente agricolo. La frutticoltura, un tempo colonna portante dell’economia del territorio, ha subito un calo, e l’età media di chi si occupa dell’agricoltura è salita, lasciando quindi in parte fuori dalla vita dei campi anche le innovazioni e le tecnologie agronomiche. L’agricoltura ha permesso a Terrazzo di fare un salto avanti nella qualità della vita, ed è perciò giusto mantenere e valorizzare queste attività tradizionali del nostro territorio. E’ importante quindi che l’amministrazione comunale si occupi del mondo agricolo, ma altrettanto importante è lo sviluppo industriale del paese. Si deve continuare a ampliare la zona artigianale, favorendo l’insediamento di nuove piccole e medie imprese. Bisogna anche favorire l’insediamento dei giovani, delle giovani coppie, offrendo loro nuovi terreni edificabili a costi accessibili, e semplificando le pratiche burocratiche necessarie. Il problema principale del paese rimane però sempre la viabilità, il fatto che Terrazzo sia tagliato fuori dalle strade di grande comunicazione. E solo il ponte e la relativa viabilità riuscirà a risolvere questo decennale isolamento: purtroppo nonostante le promesse dell’attuale amministrazione, il ponte è ad oggi ancora sulla carta, così come molti altri progetti che sembrano partire solo ora a poche settimane della elezioni.

2- Quale sarà il primo provvedimento che prenderà se eletto sindaco ?
Guardando il bilancio stilato dall’ultima amministrazione molte solo le cose iniziate o in progettazione, che sarà necessario portare avanti, partendo ovviamente dal ponte sull’Adige. Poi una cosa che vorrei se eletto modificare sarà lo statuto comunale, che la presente amministrazione ha modificato, rendendolo più tecnicistico e generico, mentre la carta fondamentale del comune dovrebbe contenere una maggiore personalizzazione e un legame alle caratteristiche proprie del paese.

3- Se eletto quanto tempo dedicherà all’incarico di sindaco ?
Manterrò il mio lavoro di insegnante, ma dedicherei al ruolo di sindaco, se ne fossi investito, tutti i pomeriggi e le serate necessarie. Conto molto comunque sulla buona efficienza ed organizzazione degli uffici comunali, e sull’aiuto di un gruppo ben organizzato, persone, anche giovani, con esperienza e molto motivate.


Sabrina Chinaglia

1- Quali sono a suo giudizio i principali problemi del paese ?

In continuità con la presente amministrazione, in cui ho ricoperto la carica di vicesindaco, intendo continuare a portare avanti i progetti avviati in questi anni, e che porteranno a migliorare la situazione del paese. Il ponte sull’Adige prima di tutto, indispensabile per lo sviluppo, sia produttivo che culturale, del paese. Per quanto riguarda l’insediamento di nuove attività produttive, invece, abbiamo già iniziato la realizzazione di una nuova lottizzazione, già prevista nel piano regolatore comunale. Importante anche per un paese che si sta lentamente spopolando mantenere i giovani nel territorio o farli tornare, e per questo che intendiamo avviare la realizzazione di nuove aree residenziali, oltre a quelle già realizzate ed assegnate, come i 12 lotti di via Parezzan.

2- Quale sarà il primo provvedimento che prenderà se eletto sindaco ?
Oltre a quanto già avviato, la mia attenzione andrà sul sociale. Agli anziani, quasi un terzo della popolazione di Terrazzo, dovranno essere garantiti servizi sempre migliori. Ma non vanno scordati nemmeno i giovani: cercheremo di mantenere in paese la scuola media, ed è per questo che l’istituto è già stato dotato di una mensa e di un laboratorio di informatica, in modo da metterlo alla pari con le altre strutture dei paesi vicini. Bisogna dare stimoli per lo sviluppo del paese, per richiamare i giovani e far aumentare le nascite, offrire più servizi, ed è anche per questo che stiamo proprio in questi giorni presentando le prime domande per la realizzazione di un asilo nido integrato, un servizio oramai indispensabile per le moderne mamme lavoratrici.

3- Se eletto quanto tempo dedicherà all’incarico di sindaco ?
Già ora dedico molto del tempo lasciato libero dalla mia attività in campagna per il ruolo di vicesindaco, quindi continuerò ad occuparmi della vita comunale in base alle necessità. Sarà comunque importante la collaborazione per la quale tutto il gruppo che compone la lista si è impegnato.

  :: Link collegati

Nessun link disponibile.



Il Punto Web | email: redazione@ilpuntoweb.it | telefono: 0442/642439

©IlPuntoWeb -  E' vietata la riproduzione anche parziale del modello grafico e dei contenuti del portale. Per informazioni sulla tutela dei dati personali, clicca qui.
La redazione de Il Punto Web non è responsabile del contenuto dei siti recensiti e/o collegati al portale.